"I veri traguardi non sono scritti su cartelli,
sono semplicemente i luoghi dove ci porta il nostro coraggio."
Denny Biasiolli

Blog

Stephen King - It - Finale di un capolavoro    

  • 05 Gen 2011
In questo post voglio rendere omaggio al capitolo finale di questo capolavoro di Stephen King. Forse per chi non ha letto il libro non significa molto, ma quando io ho letto questa parte mi sono commosso per la poesia contenuta in queste frasi.
Buona lettura.

Ma non c'era solo ansia, vero? No, c'era anche desiderio... lo stesso sentimento che aveva avuto quando aveva incontrato il ragazzino con lo skateboard sotto il braccio. Il desiderio di andare veloce, di sentire il vento fischiarti intorno senza sapere se stai correndo verso qualcosa o scappando da qualcos'altro, il desiderio di andare e basta. Di volare.

Ansia e desiderio. Tutta la differenza fra l'essere un adulto che calcola i rischi o un bambino che ci monta sopra e va. Tutto il mondo che c'è in mezzo. E tuttavia non una grande differenza, in fondo. Compagni di letto. La sensazione che si prova quando il vagoncino delle montagne russe arriva in cima alla prima ripida salita e comincia veramente la corsa.

Ansia e desiderio. Ciò che si vuole e ciò che si ha paura di cercare di avere. Dove si è stati e dove si vuole andare. Qualcosa in una canzone rock a proposito dell'ambizione di avere una ragazza, l'automobile, un posto dove stare.

Bill chiuse gli occhi per un momento, sentendo dietro di sé il peso inerte della moglie, sentendo l'avvicinarsi della discesa, sentendo il proprio cuore.

Sii coraggioso, sii valoroso, resisti.

(...)

Nei sogni che farà in futuro sta sempre partendo da Derry da solo, al tramonto. La città è deserta, se ne sono andati tutti. Contro un cielo livido si stagliano il Seminario Teologico e le case vittoriane di West Broadway e ogni tramonto estivo che abbiate mai contemplato si è fuso in questo.

Sente l'eco dei suoi passi sul cemento. L'unico altro rumore è l'acqua che gorgoglia nei canali di scarico

(...)

e rivede tutti quei luoghi, ancora intatti, com'erano un tempo: quella specie di fortificazione di mattoni che era la scuola elementare, il Ponte dei Baci con i suoi complicati ornamenti di iniziali intagliate, innamoratini del liceo pronti a sconvolgere il mondo con la loro passione travolgente, ora diventati agenti assicurativi e concessionari di automobili e cameriere ed estetiste; vede la statua di Paul Bunyan contro quel cielo di sangue e il bianco steccato pericolante che correva lungo Kansas Street sul ciglio dei Barren. Li rivede com'erano, come sempre saranno in qualche recesso della sua mente... e il cuore gli s'inonda di amore e orrore.

Partiamo, ce ne andiamo da Derry, pensa. Ce ne andiamo da Derry e se questa fosse una storia saremmo alle ultime poche pagine; sarebbe il momento di prepararci a riporre il libro nello scaffale e dimenticarcene. Il sole tramonta e si sente solo il rumore dei miei passi e quello dell'acqua negli scarichi. Questo è il momento di

(...)

partire.

Così parti e senti questo bisogno di girarti a guardare, una volta ancora il tramonto che muore, una volta ancora quel severo profilo del New England, le guglie, la Cisterna, Paul con l'ascia in spalla. Ma forse non è una buona idea girarsi a guardare, è così in tutte le storie. Guarda che cos'è successo alla moglie di hot. Meglio non guardare. Meglio credere che per tutti ci sia un lieto fine... e così sia. Chi può sostenere il contrario? Non tutte le barche che salpano nelle tenebre non ritrovano più il sole o la mano di un altro bambino; se la vita insegna qualcosa, ti mostrerà allora che le storie a lieto fine sono così numerose che è lecito dubitare della razionalità di chi non crede nell'esistenza di Dio.

Parti e parti in fretta quando il sole comincia a scomparire, pensa in questo sogno. Ecco che cosa fai. E se ti dai tempo per un'ultima riflessione, forse è per dedicarla a dei fantasmi... i fantasmi di alcuni bambini fermi nell'acqua al tramonto, in circolo, a tenersi per mano, giovani, senza incertezze, ma soprattutto risoluti... abbastanza risoluti da dare origine alle persone che saranno, abbastanza risoluti da capire, forse, che dalle persone che diventeranno dovranno necessariamente nascere le persone che sono state in precedenza prima di potersi rimettere a cercare di comprendere il semplice fatto della mortalità. Il cerchio si chiude, la ruota gira e altro non c'è.

Non c'è bisogno di girarsi a guardare indietro per vedere quei bambini; parte della mente li vedrà per sempre, vivrà sempre con loro, li amerà sempre. Non sono necessariamente la miglior parte di noi, ma sono stati un tempo depositari di tutto ciò che saremmo potuti essere.

Bambini, vi voglio bene, vi voglio tanto bene.

Allora vai senza perdere altro tempo, vai veloce mentre l'ultima luce si spegne, vattene da Derry, allontanati dal ricordo... ma non dal desiderio. Quello resta, tutto ciò che eravamo e tutto ciò che credevamo da bambini, tutto quello che brillava nei nostri occhi quando eravamo sperduti e il vento soffiava nella notte.

Parti e cerca di continuare a sorridere. Trovati un po' di rock and roll alla radio e vai verso tutta la vita che c'è con tutto il coraggio che riesci a trovare e tutta la fiducia che riesci ad alimentare. Sii valoroso, sii coraggioso, resisti.

Tutto il resto è buio.

(...)

Si sveglia da questo sogno incapace di ricordare esattamente che cosa fosse, a parte la nitida sensazione di essersi visto di nuovo bambino. Accarezza la schiena liscia di sua moglie che dorme il suo sonno tiepido e sogna i suoi sogni; pensa che è bello essere bambini, ma è anche bello essere adulti ed essere capaci di riflettere sul mistero dell'infanzia... sulle sue credenze e i suoi desideri. Un giorno ne scriverò, pensa, ma sa che è un proposito della prim'ora, un postumo di sogno. Ma è bello crederlo per un po' nel silenzio pulito del mattino, pensare che l'infanzia ha i propri dolci segreti e conferma la mortalità e che la mortalità definisce coraggio e amore. Pensare che chi ha guardato in avanti deve anche guardare indietro e che ciascuna vita crea la propria imitazione dell'immortalità: una ruota.

O almeno così medita talvolta Bill Denbrough svegliandosi il mattino di buon'ora dopo aver sognato, quando quasi ricorda la sua infanzia e gli amici con cui l'ha vissuta.
Categorie: CitazioniRiflessioniTag: filosofiaitlibristephen king

Contatti


Generic placeholder image

Multimedia

Instagram | YouTube | Google

Generic placeholder image

Sport

Garmin | Strava

Generic placeholder image

My Work

GitHub | npm
PM and full-stack developer @ inRebus srl

Generic placeholder image

Location

Savigliano (CN)
ITALY

Curriculum


Full-stack developer e project manager presso inRebus srl - Torino

Attività

Contributor/maintainer di progetti opensource su GitHub

Sono attualmente interessato al mondo Python/Django per il backend e Vue.js e React per il frontend. Sto contribuendo attivamente a creare un ponte tra React e Vue con react-vuex. Questo progetto, come fa react-redux per Redux, permette agli utenti di usare lo store di Vuex nei componenti React.

Nel tempo libero mi occupo di contribuire a progetti opensource su GitHub. Su alcuni progetti sono maintainer o contributor.
Trovate alcuni miei lavori su GitHub (link), altri lavori sono su Bitbucket e GitLab su repository privati. Highlights:
- angularjs-pdf (maintainer)
- react-alert (collaborator)
- react-boilerplate (contributor)
- ionic-v1 and ionic2 (contributor)
- react-vuex (owner)

Breve talk su “Electron Framework”, Torino Coding Society, Torino

28 Febbraio 2017
Breve talk su Electron, un framework JavaScript usato per creare applicazioni desktop cross-platform.
- Link: torinocodingsociety.it/events/torino-coding-society-28feb17
- Slide: https://goo.gl/j3maof
- Video: https://youtu.be/TfXetxQEKL8

Coach agli eventi DjangoGirls in Italia

Torino, 2 Luglio 2016  |  Milano, 26 Novembre 2016  |  Napoli, 18 Febbraio 2017  |  Trento, 23 Settembre 2017
Django Girls è un’organizzazione no-profit e una community che incoraggia e aiuta le donne a organizzare workshops gratuiti di una giornata fornendo strumenti, risorse e supporto.
Durante ognuno di questi eventi, 30-60 donne creano la loro prima applicazione web utilizzando HTML, CSS, Python e Django.
Links: Torino, Milano, Napoli, Trento

Hobby

Ho un hobby particolarmente impegnativo: il triathlon. Le lunghe e solitarie sessioni di allenamento mi aiutano a svuotare la mente da ogni pensiero superfluo per focalizzarmi su ciò che è veramente importante.

"Da qualche parte lungo la strada abbiamo confuso la comodità con la felicità." (Dean Karnazes)

Lingue straniere

Ho una buona conoscenza dell'inglese, soprattutto in ambito informatico; non ho difficoltà a leggere documentazioni tecniche. L'inglese colloquiale lo conosco in maniera sufficiente, purtroppo manca un po' di pratica per poterlo parlare fluentemente.
La mia conoscenza del francese risale ai tempi delle medie, da quel momento non ho più fatto pratica se non per due settimane nel lontano 2007 in una trasferta di lavoro in Algeria, dove ho dovuto interagire con la regia della televisione pubblica algerina durante una manifestazione sportiva in cui mi occupavo della grafica da mandare, appunto, alla TV.

Carattere / Lavoro in team

Ho seguito alcuni progetti da solo, ma per la maggior parte del tempo ho sempre lavorato in team composti da almeno tre sviluppatori senza particolari difficoltà. Trovo estremamente positivo condividere le idee sulla soluzione ai problemi di sviluppo e costruire qualcosa di grande partendo dai piccoli progetti di ognuno.

Credo di avere un carattere socievole, maturato nei molti anni passati facendo il cameriere. Mi rapporto con i clienti con facilità per capirne le esigenze e le difficoltà nell'utilizzo del software, per poter successivamente sviluppare soluzioni che risolvono le loro problematiche.

Esperienze lavorative



(aggiornato a Maggio 2019)

29 Gennaio 2019

PSM I Certification - Professional Scrum Master I


da Maggio 2018

Full-stack developer e project manager presso inRebus s.r.l. - Torino

Sviluppo di grandi progetti per il mondo automotive, utilizzando:
- Backend: Python, Django, django-rest-framework
- Frontend: JavaScript, Angular (6/7), Angular Material, React, Vue.js, Socket.io
- Database: MySQL, SQL Server
- Other: Nginx, Docker, docker-composer
- Strumenti di sviluppo: VSCode
- Workflow: Git, Bitbucket, GitLab


Febbraio 2018 - Aprile 2018

Web/Mobile developer presso OilProject s.r.l. - Remoto/Milano/Torino

Sviluppo di applicazioni web e mobile utilizzando:
- React, Cordova, Xamarin, Node.js, PHP (Symfony)


Febbraio 2016 - Febbraio 2018

Web developer presso Maieutical Labs s.r.l. - Torino

Sviluppo di applicazioni web utilizzando:
- Backend: Python, Django, DjangoRestFramework
- Frontend: JavaScript, Angular.js, React, Ionic, Electron, ecc..
- Database: PostgreSQL, PouchDB
- Strumenti di sviluppo: Atom, VSCode
- Workflow: Git, Bitbucket, GitLab, Trello


Aprile 2012 - Febbraio 2016

Sviluppatore software presso Informatica EDP s.r.l. - Fossano (CN)

Sviluppo di software gestionali desktop:
- Linguaggi: C#, VB.NET
- Database: Microsoft SQL Server, MSAccess, Excel, CSV, SQLite
- Strumenti di sviluppo: Microsoft Visual Studio 2013/2015, Crystal Reports 13, DevExpress, XtraReports
- Workflow: SVN, Mantis
Mi sono occupato anche di interfacciamenti con software di terze parti tramite tracciati su file CSV, file di Excel, View e Stored procedure in SQL
Attività:
- Sviluppo di software in .NET per la gestione dei rifiuti di aziende che li producono, li trasportano e/o li recuperano/smaltiscono.
- Creazione di moduli da integrare al software principale per gestire preventivi, contratti, DDT, fatture, ecc..
- Creazione di stampe in Crystal Report 13 e DevExpress
- Assistenza a clienti e formazione all'utilizzo del software, tramite telefono, Skype o in trasferta presso il cliente


Gennaio 2008 - Aprile 2012

Sviluppatore software presso la Edisoft s.r.l. - Saluzzo (CN)

Sviluppo di software gestionali desktop:
- Linguaggi: VB.NET, VB6, PHP
- Database: Access, MySQL, Microsoft SQL Server
- Strumenti di sviluppo: SharpDevelop, VB6, Cystal Report XI
- Workflow: SVN, Mantis
Attività:
- creazione di un software client-server che comunica tramite il .NET Remoting e gestisce code di priorità concorrenti per l'accesso ai dati.
- creazione di programmi gestionali in Visual Basic 6 o su piattaforma .NET, che lavorano su database come Access, MySQL, Microsoft SQL Server 2000, 2005 e 2008.
- creazione di stampe in Crystal Report XI
- creazione di una piattaforma in php/mysql basata su Joomla per la gestione dei contatti e dello storico delle chiamate ai clienti


Aprile 2007 - Gennaio 2008

Sviluppatore software presso la Microplus Informatica s.r.l. - Marene (CN)

- Linguaggi: C++, C#
- Strumenti di sviluppo: Borland C++, SharpDevelop
- Workflow: SourceSafe
Sviluppatore C++, frequenti trasferte in tutto il mondo, assistenza nel cronometraggio e nella gestione di manifestazioni sportive, per le quali si sviluppavano programmi appositi che gestivano l'elaborazione dei dati e la loro conseguente visualizzazione su tabelloni e reti televisive tra cui la RAI.
Tra le varie attività svolte ci sono:
- Giro d'Italia 2007
- Campionati Africani di atletica e nuoto ad Algeri (Luglio 2007)
- Manifestazioni sportive in tutta Italia, organizzate dalla Federazione Italiana Nuoto e dalla Federazione Italiana di Atletica Leggera


Settembre 2005 - Marzo 2007

Sistemista presso la NetSolution Informatica - Fossano (CN)


Luglio-Agosto 2005

Sistemista presso Alpi Informatica - Savigliano (CN)
Pizzaiolo presso il ristorante Peter Pan - Savigliano (CN)

Pizzaiolo al ristorante Peter Pan, al mattino effettuavo assemblaggi di computer e assistenza tecnica presso il negozio "Alpi Informatica" a Savigliano


2000-2005

Diplomato come Perito Tecnico Industriale Informatico il 2 luglio 2005 presso l'IIS G. Vallauri di Fossano (CN) con la votazione di 85/100


2003-2005

Ottenuto il certificato Cisco C.C.N.A. - "Cisco Certified Network Associate" il 30 maggio 2005


Estate 2004

Stage lavorativi presso la Microplus Informatica s.r.l. - Marene (CN)

- Riccione: addetto stampa risultati ufficiali della manifestazione "FINA World Masters Swimming Championships" - Campionati Mondiali Master di Nuoto
- Roma: addetto stampa risultati ufficiali della manifestazione internazionale "RomAquatica - Trofeo Sette Colli"
- creazione di un programma in Visual Basic 6 per gestire le iscrizioni ad una palestra per bambini
- Viareggio: addetto stampa risultati ufficiali della manifestazione "RESCUE 2004 - Life Saving World Championships"


dal 1999

Ho iniziato ad interessarmi al mondo informatico in generale, finanziando questo mio hobby con il lavoro da cameriere in diversi ristoranti della provincia